RI-MEDIARE LA SCUOLA

Home » E-book per Ri-mediare la Scuola

E-book per Ri-mediare la Scuola

classifica
sito web

Hear the music of Sound Cloud

This Is Where We Livelibri

from 4th Estate Welcome to our city – to our world – of books. This is where we live

A film for 4th Estate Publishers’ 25th Anniversary. Produced by Apt Studio and Asylum Film

The film was produced in stop-motion over 3 weeks in Autumn 2008. Each scene was shot on a home-made dolly by an insane bunch of animators; you can see time-lapse films of each sequence being prepared and shot in our other films. 

QUESTO E’ DOVE NOI VIVIAMO

Dal punto di vista dei consumi culturali, che possiamo definire tradizionali, si registra un incremento sorprendente della lettura che non porta all’auspicato tramonto della cultura come avevano previsto gli apocalittici. Nell’ultimo decennio si evidenzia una ripresa sistematica della lettura a svantaggio della concezione di ” una morte del libro”.  In questa prospettiva la scuola deve volgere al cambiamento ed….

..attivare un PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO con gli e-bookbimbo_ebook

Rotta considera l’e-book come la naturale evoluzione della “tecnologia” del libro, che a sua volta ha perfezionato la sua forma passando dal codice manoscritto al testo a stampa, preservando nel tempo il ruolo e mutando solo la forma.

Ma…se continuerà a emulare la struttura del libro allora non saprà fare

tesoro delle

peculiarità della rete  

web 2.0

…trovo particolarmente interessante questa presentazione…

L’e book per una didattica efficiente ed efficace

di Rosamaria Guido

L'e book per una didattica efficiente ed efficace

            Propongo un video da YOUTUBE per:
  • EXCURSUS STORICO DAL LIBRO STAMPATO AL LIBRO DIGITALE
  • CHE COS’E’ UN E-BOOK
  • IPAD PER LEGGERE E-BOOK (dal 2010)
  • L’ITALIA NEL PANORAMA EDITORIALE
  • CHE COSA PREFERISCE IL LETTORE? LIBRO STAMPATO O LIBRO DIGITALE?: diverse opinioni
  • L'Ebook e la filiera editoriale
  • INTERVISTA A Simonelli Editore
  • PROPOSTE DA Case Editrici
  • L’E-BOOK NELLA SCUOLA ITALIANA

******************************************************************************************************

imageslogo avatar 2

Un PPT che analizza IL PROCESSO DI RI-MEDIAZIONE:LIBRO CARTACEO vs LIBRO DIGITALE: “E-book per una DIDATTICA 2.0”

Molto volte mi sono chiesta da dove partire….ho cercato di rivedere il tutto e di focalizzare alcuni punti fondamentali tra la validità di un libro cartaceo con un libro digitale…non ho fatto un confronto individuando solo vantaggi e svantaggi di entrambi i supporti tecnologici, ma ho cercato di partire da alcuni assunti che mettono in primo piano sia il libro cartaceo che un libro elettronico. Il significato più profondo di libro non deve scomparire con l’ e-book , MA IN ESSO SI RIGENERI E E SI EVOLVE.

•L’ e-book, come medium che rinegozia il significato del libro, attiva la logica della ri-mediazione e di un modo totalmente differente del FARE SCUOLA.

Libri digitali, audiolibri, learning object, podcast, software e risorse digitali didattiche: è questo il lessico di base della nuova scuola italiana a partire dal cosiddetto Piano Scuola Digitale promosso dal MIUR.

Il cambiamento è già in atto, prima di tutto nella testa degli alunni: per loro la conoscenza esiste solo nella forma condivisa, il testo è sempre aperto, il sapere è sempre costruito, smontato e rimontato, come in un collettivo ed infinito remix musicale.

 

 

 

******************************************************************************************************

OLTRE LA METAFORA “LIBRO”: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO DIGITALI

Giovanni Marconato E-book Fest Sanremo 25 – 27 ottobre 2012

• Il ruolo del libro di testo nelle pratiche didattiche di oggi
• Le caratteristiche autentiche delle tecnologie digitali e di rete
• Le conoscenze oggi disponibili su come le persone apprendono
• Il ruolo degli editori di scolastica

******************************************************************************************************

Tu cosa ne pensi?

Annunci

2 commenti

  1. Enrico De Santo ha detto:

    Libri cartacei vs E-book: fascino della carta o fascino del tablet?
    E’ da parecchio tempo all’attenzione degli addetti ai lavori la diatriba tra libro tradizionale e libro digitale: per i tradizionalisti (tecnofobici) il libro è di carta! Vuoi mettere il profumo della stampa. la tridimensionalità di un libro con l’odore di plastica del tablet o dell’e-book reader?!
    Per gli “evoluzionisti” tecnointegrati la carta è obsoleta: è pesante, noiosa! Meglio l’elettronico: è ipertestuale, posso portare tutti i libri che voglio in poche centinaia di grammi (cosa che il libro cartaceo non mi permette). Addio zaini pesanti e libri spaginati!
    E’ difficile mettere d’accordo i due punti di vista, ma tutti e due hanno le loro ragioni sacrosante. Che si fa allora? Si chiede ai diretti interessati: gli allievi. E’ inutile dirlo: sceglieranno il tablet. O l’e-book reader? Ma no: il tablet! Oggetto multitasking, mi permette di: navigare su internet, videogiocare, telefonare….e leggere. Si, alla fine pure leggere un libro. Il rischio è questo: di fronte ad una miriade di stimoli si va a scegliere quello più accattivante…Leggere? Ma no: navigare su internet (leggasi Facebook)! Il punto è proprio questo: se il libro mi costringe ad effettuare UNA sola operazione (leggere), il tablet mi dà TANTE possibilità (navigare, giocare e…leggere).
    Allora ha ragione Il tradizionalista tecnofobico? Lo dicevo io: il libro è il libro! Che sono tutte queste distrazioni?? Si studia sui libri!!
    E il diretto interessato, di fronte alla coercizione verso uno strumento obsoleto, diventa oppositivo: no, il libro non lo leggo! Mi annoia!
    L’evoluzionista tecnointegrato gli offre un tablet con un e-book, invitandolo a leggere il libro digitale. Il diretto interessato, se sulle prime appare riluttante, si accorge poi che la “fatica” del leggere (si, leggere è una fatica!) è “alleviata” da una nuova modalità di lettura, innovativa e divertente. E si approccia alla lettura ma…dopo 5 minuti riduce ad icona il libro e apre Facebook (giusto per vedere cosa c’è…)….poi si ricorda di quell’app per Android (da scaricare subito!)….
    I due, il tecnofobico e il tecnointegrato, ricominciano a litigare….Ma nessuno dei due si accorge di un banale errore presente dei loro punti di vista.
    Mi rivolgo ai naviganti: dov’è l’errore?

    • Ippolita Gallo ha detto:

      Gentile Prof. De Santo la ringrazio del suo intervento. Faccio una mia precisione a riguardo a ciò che lei espone nella fatidica diatriba tra tradizionalisti e tecnointegrati (ormai da tempo, penso, superata) riguardo al libro. Ritengo che la percezione della lettura tradizionale con tutto il suo fascino non verrà condannata alla polvere e all’oblio, in quanto custodirà sempre le sue dimensioni diverse: il fascino delle pagine, la forza emancipante del libro come serbatoio di passioni e di stimolazioni, la felicità che scaturisce nell’esperienza e nel “raccoglimento” della lettura. Con l’avvento dell’ebook tutto ciò non sparirà ma si dovrà avere una ridefinizione dei parametri e dei modi di lettura, per cui cercare le potenzialità che entrambi, libro cartaceo e digitale, offrono. Vi rinvio ad un mio post inserito nel mio blog https://ippolitagallo.wordpress.com/2013/05/18/481/ e alla mia pubblicazione su inserita e pubblicata anche in SLIDESHARE http://www.slideshare.net/ippolitagallo.
      Comunque lasciamo agli altri il quesito posto dal Prof. Enrico De Santo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: